Masullo Medical Group

A cura del Dott. Vincenzo Masullo, tratta il problema della Calvizie ed il Trapianto Capelli.

Offerta Promozionale 200x200
 

Articolo Principale

Tricopigmentazione per combattere la Calvizie.

La Tricopigmentazione è un tecnicha non chirurgica che puo essere sfruttata per fronteggiare gli inestetismi del cuoio capelluto.


Tricopigmentazione-per-combattere-la-Calvizie

Che cos’è la tricopigmentazione?

La tricopigmentazione è un trattamento estetico che si ricollega completamente alla “dermopigmentazione” (mediante l’utilizzo di particolari pigmenti di colore, è possibile correggere degli specifici inestetismi in vari punti del corpo); a livello teorico la tricopigmentazione può essere considerata una sorta di tatuaggio applicato al cuoio capelluto.

Partendo dall’etimologia della parola “tricopigmentazione” ( dal Greco trichós = pelo, capello) è semplice desumere che essa rappresenta una specializzazione in ambito tricologico della più generica dermopigmentazione: in questo caso specifico, però, i pigmenti di colore vengono inseriti nel cuoio capelluto per mascherare una calvizie e di conseguenza per ricoprire o infoltire visivamente zone diradate nella capigliatura.

Quali sono i campi di applicazione della Tricopigmentazione?

La Tricopigmentazione è una tecniche che ritroviamo in vari settori della medicina e puo essere sfruttate per fronteggiare i più diversi inestetismi:

  • per infoltire determinate zone del cuoio capelluto interessate da alopecia circoscritta
  • per infoltire determinate zone del cuoio capelluto interessate da calvizie
  • per infoltire determinate zone del cuoio capelluto interessate solo da un iniziale diradamento
  • per ottenere una maggiore densità (solo estetica) in pazienti con capelli rasati.

Come si effettua la Tricopigmentazione?

Dopo una prima consulenza con il medico chirurgo, necessaria per valutare la situazione di partenza e stabilire le zone da trattare, il primo passaggio in seduta d’intervento consiste nell’evidenziare (mediante una semplice matita dermografica) tali zone tracciando una sorta di disegno che servirà al chirurgo come linea guida da seguire durante il trattamento. Dopo una leggera analgesia locale, si procede con l’inoculazione dei pigmenti colorati nelle zone interessate: l’inserimento all’interno del derma avviene mediante apparecchiature elettriche concettualmente molto simili a quelle usate per i più comuni tatuaggi permanenti.

Man mano che la tricopigmentazione si andava affermando, negli ultimi anni sono state progettate apparecchiature sempre più all’avanguardia, in modo da assicurare il miglior risultato col più basso margine di errore. Tuttavia però il procedimento rimane pressoché invariato rispetto al tatuaggio: l’apparecchiatura elettrica usata termina, infatti, con una sorta di “penna” detta dermografo alla cui estremità si trovano dei particolari aghi, saldati tra loro e ovviamente sterili, che inoculano i pigmenti direttamente nel derma superficiale, a circa 2mm di profondità.

Terminata la pigmentazione, il cuoio capelluto può presentarsi leggermente arrossato, ma basterà applicare una crema apposita per placare l’irritazione.

Cosa viene iniettato nel cuoio capelluto?

Si tratta di molecole organiche che assorbono e riflettono la luce selettivamente in base alle diverse lunghezze d’onda dello spettro luminoso; è proprio la banda di colore che viene riflessa che dà colore al pigmento.

In natura esistono pigmenti di vario genere, organici o minerali, naturali o sintetici, ma quelli scelti per la tricopigmentazione devono essere necessariamente sintetici, poiché essendo a base di ossido di ferro, risultano più stabili ma più facili da rimuovere, meno costosi e facilmente sterilizzabili. I pigmenti scelti per la dermo o tricopigmentazione si presentano in origine sottoforma di polveri, in varie tonalità di colore, e vengono successivamente disciolti in solventi per dar vita alla loro consistenza cremosa; inoltre sono definiti bioassorbibili (in circa due anni i pigmenti vengono naturalmente fagocitati dal sistema immunitario) e biocompatibili (non tossici, non provocano allergie né alcuna forma di infiammazione); sono sterilizzati, controllati e certificati.

Come anticipato, i pigmenti si presentano in diverse tonalità di colore: sarà dovere del chirurgo scegliere, miscelare e distribuire i pigmenti nel modo più opportuno per assicurare un risultato naturale. I colori più scuri, ad esempio, danno profondità ed è per questo che vengono iniettati per primi. Per evitare errori, inoltre, bisogna valutare da subito, e molto attentamente, la carnagione del paziente e prevedere quale colore assumerà il pigmento nello specifico incarnato.

Quando viene inoculato, il pigmento provoca una reazione infiammatoria nel tessuto ricevente: si tratta di un processo naturale, che il nostro organismo mette in atto per difendersi e che provoca una certa perdita del colore del pigmento stesso; è per questo motivo che si prevede sempre almeno una seconda seduta, dopo circa un mese.

Ci sono effetti collaterali?

La tricopigmentazione non provoca alcun effetto collaterale nell’individuo che si sottopone al trattamento, ne alcun danno ai capelli. L’unico fastidio che si può riscontrare è un’infiammazione del cuoio capelluto trattato, infiammazione normalmente causata dallo stress a cui è stata sottoposta la pelle; come già detto, è un arrossamento che si attenua molto velocemente (al massimo due giorni) mediante l’utilizzo di ghiaccio e creme specifiche nel decorso post-intervento.

La tricopigmentazione prevede l’utilizzo di apparecchiature altamente specializzate, e soprattutto sterili in ogni componente: questo, unitamente alla giusta condizione operatoria, permette di scongiurare ogni forma di infezione nel paziente. Le reazioni allergiche sono molto rare, per lo più causate dal tipo di metalli contenuti nel pigmento, ed è per questo che spesso si sottopone il paziente ad una sorta di test preventivo. La tricopigmentazione, inoltre, è un trattamento reversibile e non definitivo: può essere interrotto in qualsiasi momento senza alcuna conseguenza e, in questo caso, il pigmento verrà completamente e naturalmente riassorbito in circa due anni; l’effetto copertura garantito dal pigmento, invece, si conserva per circa 6 mesi/un anno.

A chi rivolgersi per un intervento di tricopigmentazione?

Come in tutti i settori della medicina e della chirurgia, scegliere un buon chirurgo, soprattutto specializzato nel settore di interesse, è il primo passo per garantire a se stessi un buon risultato. In questo tipo di trattamenti risultano fondamentali la professionalità, la manualità e l’esperienza dell’operatore, il quale deve usare l’apparecchio nel giusto modo per evitare danni o errori: il colore deve essere inoculato con regolarità, senza sbalzi che potrebbero causare sbavature, con una determinata frequenza, a una precisa profondità e inoltre secondo un preciso angolo. Proprio per questo motivo si consiglia di diffidare da pigmentazioni “improvvisate”, praticate con apparecchiature non idonee o da personale non specializzato: spesso, infatti, si pensa che anche i più comuni tatuatori possano effettuare la dermo o tricopigmentazione ma non è così!

I motivi sono molteplici:

  • diverse apparecchiature
  • diversa natura dei pigmenti adoperati nella tricopigmentazione (al contrario dei tatuaggi, si usano pigmenti non definitivi)
  • la profondità a cui viene inoculato il pigmento varia: nella prima il pigmento raggiunge esclusivamente l’epidermide e il derma superficiale, durante il tatuaggio invece raggiunge anche il derma profondo.

Masullo Medical Group

Trapianto Capelli Napoli, Salerno, Roma
Centro Direzionale, Isola E7 Napoli Italia 800 14 55 23
Corso Garibaldi, 119 Salerno Italia 089 25 82 938
Via Degli Avignonesi, 16 Roma Italia 392 95 53 642