Masullo Medical Group

A cura del Dott. Vincenzo Masullo, tratta il problema della Calvizie ed il Trapianto Capelli.

Offerta Promozionale 200x200
 

Articolo Principale

Cos'è la Prostaglandine e quale ruolo occupa nella Calvizie.

Nuove scoperte collocano le PGD2 tra i peggiori nemici dei capelli.


Cos'è-la-Prostaglandine-e-quale-ruolo-occupa-nella-Calvizie

Studi scientifici di recente attuazione rivelano l'importanza delle prostaglandine e del ruolo fondamentale che esse svolgono sul ciclo del follicolo pilifero. E' stato osservato infatti, che esistono diversi effetti, talvolta anche opposti, provocati dai diversi tipi di prostaglandine.

Cosa sono le molecole di Prostaglandine?

Le prostaglandine sono un gruppo di acidi grassi, più o meno una ventina, derivanti tutti dall'acido arachidonico e costituiti da 20 atomi di carbonio che si legano a un ciclopentano e a due catene laterali idrocarburiche. Vengono definite molecole ormonosimili in quanto vengono prodotte da un organo e rilasciate nel circolo sanguigno per raggiungere il relativo organo-bersaglio dove possono agire, proprio come avviene per gli ormoni: per la maggior parte, la funzione delle prostaglandine si manifesta durante le infiammazioni e viene esplicata nello stesso organo dal quale vengono secrete.

L'origine del loro nome è da attribuire al modo in cui sono state scoperte: evidenziate per la prima volta nel liquido seminale di una pecora, si pensava che fossero secrete esclusivamente dalla prostata, ghiandola prettamente maschile; solo in seguito si osservò che venivano prodotte in più parti dell'organismo.

Ne esistono, come abbiamo già detto, diversi tipi: esse sono tutte strutturalmente molto simili, l'unica variazione è il diverso elemento chimico che può legarsi sull'anello del ciclopentano e il numero di doppi legami che si possono formare sulle catene laterali; tale differenziazione permette la suddivisione delle prostaglandine in vari gruppi, indicati ognuno con una lettera (dalla A alla I). In particolare, a seguito di ricerche specifiche, atte a conoscere l'effetto dei vari tipi di prostaglandine sul ciclo dei follicoli piliferi, sembra che quelle appartenenti alle classi E ed F (PGE e PGF) stimolino la crescita dei capelli mentre quelle di classe D (tra cui PGD2) favoriscano il progredire della calvizie impedendo la maturazione dei follicoli e quindi l'allungamento dei capelli.

In che modo le prostaglandine agiscono negativamente sui follicoli piliferi?

Il meccanismo di azione delle PGD2 prevede il legame con un recettore specifico, detto Gpr44, legame necessario affinchè la prostaglandina possa agire sulle cellule staminali del follicolo pilifero, situate nella zona del bulge e responsabili, come sappiamo, del rinnovamento dei peli e quindi anche dei capelli.

La PGD2, invece, impedisce al follicolo di svilupparsi e inibisce, di conseguenza, la crescita del pelo, provocando, inoltre, la sua miniaturizzazione, indebolimento e infine, caduta. A questo punto possiamo affermare che le prostaglandine PGD2 rappresentano un altro acerrimo nemico per i capelli, allo stesso livello del testosterone e del DHT (diidrossitestosterone).

Alcuni studi effettuati all'Università della Pennsylvania da un gruppo di ricercatori su dei topi cavia, hanno mostrato l'importanza della presenza (o assenza) delle PGD2: durante la biopsia su lembi di cute prelevati nelle zone glabre o comunque con evidente mancanza di peli, vi era un'altissima concentrazione delle suddette proteine, a differenza invece delle aree circostanti in cui i peli nn avevano subito alcuna perdita e i livelli di PGD2 erano nella norma.

Questi risultati evidenziano molto chiaramente il ruolo chiave che le PGD2 rivestono nel fenomeno della calvizie, un ruolo sottolineato ulteriormente dai risultati ottenuti anche dai test effettuati su capelli trapiantati: anche in questo caso, infatti, le proteine PGD2 avevano un effetto completamente negativo sulla fisiologia del bulbo pilifero, in quanto causavano miniaturizzazione del capello e atrofizzazione del follicolo.

Proprio per ovviare a tale problema, ultimamente molti ricercatori del settore concentrano le loro attenzioni sulla possibilità di trovare una molecola che possa funzionare da inibitore delle PGD2 e che possa legarsi al recettore Gpr44 per impedire il legame con la prostaglandina e quindi il suo negativo meccanismo d'azione sui capelli. Per adesso, i risultati ottenuti suggeriscono "solamente" che le cellule staminali possono bloccare l'enzima responsabile della formazione delle PGD2, ma bisogna attendere il termine dei test sperimentali in corso per ottenere dei veri e propri farmaci anti-caduta che possono arrestare il processo di atrofizzazione del follicolo e favorire invece, la rigenerazione cutanea e la crescita dei capelli.


Masullo Medical Group

Trapianto Capelli Napoli, Salerno, Roma
Centro Direzionale, Isola E7 Napoli Italia 800 14 55 23
Corso Garibaldi, 119 Salerno Italia 089 25 82 938
Via Degli Avignonesi, 16 Roma Italia 392 95 53 642