Masullo Medical Group

A cura del Dott. Vincenzo Masullo, tratta il problema della Calvizie ed il Trapianto Capelli.

Offerta Promozionale 200x200
 

Articolo Principale

trapianto capelli

Trapianto Capelli Fue e Strip Extraction, considerazioni generali e links di approfondimento.


Il trapianto di Capelli consiste nello spostamento chirurgico di unità follicolari (UF) da una zona donatrice (principalmente la nuca) a una zona ricevente più o meno diradata, che può essere la linea frontale, il centro o il cosiddetto vertex (vertice o comunemente definito “rosa”).

Tipologie di Trapianto Capelli

Talvolta, soprattutto nei casi in cui la zona donatrice sulla nuca non risulti sufficiente, è possibile prelevare unità follicolari da altri distretti del corpo (braccia, spalle, barba, petto): in questo caso il trapianto viene definito ectopico, parola che appunto indica una sede diversa da quella normale, in questo caso dei follicoli da prelevare. In verità, anche la zona da rinfoltire può essere differente dal cuoio capelluto, infatti soprattutto di recente si può facilmente assistere a richieste di trapianto di barba, sopracciglia, baffi, pube. La modalità di trapianto è pressoché la stessa, a cambiare sono solo le zone di prelievo e/o innesto delle unità follicolari e le zone del corpo da rinfoltire e/o ricostruire.

Come già specificato in altri momenti, la calvizie maschile tende a manifestarsi inizialmente proprio sulla zona frontale andando quindi a minare l’attaccatura dei capelli, così importante a livello estetico, e sul vertex per poi progredire da entrambi i versanti in direzione del centro testa.

La causa principale della caduta dei capelli è l’ormone steroideo DHT (diidrotestosterone), forma idrolizzata del testosterone, che provoca la progressiva miniaturizzazione del bulbo pilifero e la sua conseguente caduta.

Trapianto Capelli FUT o Strip Extraction

Non opportunamente considerato per anni, forse a causa dei primi risultati non del tutto naturali, oggi il trapianto di capelli offre al paziente la possibilità di ripristinare la naturale e originaria foltezza dei capelli. Anni fa veniva effettuato con tecnica FUT o Strip, la quale prevedeva l’asportazione chirurgica di un’intera losanga di cuoio capelluto dalla parte della nuca, che in seguito veniva sezionata ripetutamente per ricavarne i follicoli da impiantare e prevedeva una sutura con punti e conseguente cicatrice permanente. Effettivamente, anche questo aspetto deve aver condizionato molto i potenziali pazienti, spesso indecisi sull'affrontare o meno questo tipo di intervento chirurgico, proprio a causa di questa vistosa cicatrice.

Trapianto Capelli Fue

Per fortuna la Medicina in generale è un campo in continuo sviluppo e sempre in cerca di innovazioni, e perciò anche il trapianto di capelli è diventato attualmente molto meno invasivo. E’ già da qualche anno infatti, che si sente parlare di una nuova tecnica, la cosiddetta tecnica FUE, che al contrario della precedente, assicura ugualmente un ottimo risultato ma senza alcun tipo di cicatrice o segno perenne a costi decisamente accettabili.

Mediante la FUE, infatti, e a differenza dello Strip, le unità follicolari vengono prelevate sempre dal cuoio capelluto della nuca del paziente, ma singolarmente con appositi strumenti chirurgici all'avanguardia, quindi già pronte per essere innestate, senza bisogno di alcun ulteriore sezionamento e quindi possibile danno. Una volta selezionati e ripuliti dagli eventuali residui organici, i follicoli prelevati vengono innestati nella zona diradata, semplicemente andando a riempire dei fori appositamente creati dal chirurgo con una particolare lama a punta, di spessore uguale o leggermente superiore all'unità follicolare stessa, proprio come avveniva con la tecnica Strip.

Trattandosi di un semplice scivolamento del follicolo all'interno di questa micro-fessura mediante apposite pinzette chirurgiche, è abbastanza facile dedurre che bisogna attendere un paio di giorni affinchè il tessuto cicatrizzi e intrappoli al suo interno l’unità follicolare. Solo al termine di questo processo, si può dire che l’unità follicolare avrà attecchito e non esisterà più alcun rischio di perderla, come invece può avvenire nei primi giorni immediatamente dopo l’autotrapianto se si esercita una pressione troppo forte o uno strofinamento in prossimità della zona trapiantata. E’ principalmente questo il motivo per il quale il paziente deve prestare un po’ di attenzione in determinati movimenti nei giorni immediatamente successivi al trapianto, ma comunque senza alcun bisogno di influenzare particolarmente le proprie abitudini.

Il trapianto di capelli con tecnica FUE, è un intervento micro-chirurgico che avviene in analgesia locale; per intenderci, viene utilizzato lo stesso tipo di anestetico usato comunemente negli studi dentistici. Non esistono effetti collaterali o possibili conseguenze negative, e per tutta la durata è assolutamente indolore. Seppur poco invasivo, non va mai dimenticato che resta comunque un intervento chirurgico e pertanto va sempre garantito il giusto rispetto di tutte le norme igienico-sanitarie, condizione imprescindibile per il regolare svolgimento dell’autotrapianto stesso.

Ecco perché è importante, al momento della scelta del chirurgo al quale rivolgersi, considerare la Sua professionalità e la Sua esperienza nel settore: non è importante il nome del chirurgo o della clinica, la città o la nazione dalla quale proviene, l’importante è che chi pratica l’autotrapianto segua tutte le normative di igiene e sicurezza e sia soprattutto padrone della tecnica utilizzata.

Considerazioni Generali sul Trapianto di Capelli

Molte volte purtroppo ho assistito a veri e propri scempi causati sulla cute di pazienti magari anche molto giovani; questo perché col miraggio del risparmio economico ci si affida a chirurgi improvvisati o quantomeno a chirurghi estetici senza troppa esperienza sul trapianto di capelli. Sebbene sembri un intervento abbastanza semplice, Vi posso assicurare che richiede tanta manualità dell’operatore, condizione che può ottenersi solo dopo tanta pratica sul campo, tanta pazienza e soprattutto tanta professionalità.

Non dimentichiamo inoltre che ogni intervento di Chirurgia estetica è frutto di un complesso psicologico più o meno grave del potenziale paziente e pertanto richiede non solo una consulenza tecnica, ma anche un aiuto per quanto riguarda appunto l’approccio mentale. E’ fondamentale, a mio avviso, già dalla prima visita, capire e riuscire a interpretare i bisogni della persona che si siede davanti a me in cerca di un aiuto sia psicologico che pratico. L’operazione in sé deve essere solo l’ultimo tassello di un percorso ben più articolato, fatto insieme al paziente appunto, che deciderà di sottoporsi all'autotrapianto solo nel momento in cui sarà pienamente convinto e completamente a conoscenza di tutte le procedure antecedenti, contemporanee e posteriori all'intervento. Per esempio, il paziente dovrà essere pronto a trascorrere pressappoco un’intera giornata in sala operatoria: non si tratta certo di un intervento a cuore aperto ma la modalità di prelievo e di innesto singolo di ogni unità follicolare comporta purtroppo dei tempi abbastanza lunghi. Tempi che in verità trascorrono molto tranquillamente, visto che il paziente è completamente sveglio, lucido e in grado di conversare anche con gli assistenti per sconfiggere quell'ansia tipica di ogni persona che si sottopone ad un intervento chirurgico.

Allo stesso tempo, è importante informare il paziente di tutte le indicazioni da seguire nel post intervento: niente di trascendentale o troppo sacrificante ma è giusto che egli sappia di dover assumere un certo atteggiamento nei confronti di alcuni “nemici” del trapianto di capelli, come ad esempio l’esposizione solare, lo sforzo fisico oppure un’alimentazione scorretta. Come ho già detto, niente di così faticoso, ma fondamentale per il giusto decorso post intervento e per la corretta riuscita dell’intervento.

Non c’è soddisfazione più grande per me, durante i numerosi miei controlli post intervento, che guardare negli occhi un paziente sempre più felice del risultato, della sua nuova immagine e talvolta anche del suo nuovo approccio con la vita sociale. Purtroppo o per fortuna, i capelli rappresentano una sorta di cornice del volto: un‘eventuale grave stempiatura o diradamento frontale può stravolgere completamente l’immagine, può modificare il rapporto tra le componenti del viso, cambiando completamente l’impatto visivo di quella che è la nostra immagine. L’obiettivo primario dell’autotrapianto di capelli è proprio evitare tutto questo stravolgimento, sia fisico che mentale, o quantomeno ripristinare l’immagine originaria di se stessi, persa col tempo con la progressiva caduta dei capelli.

La Masullo Medical Group vanta una equipe specializzata che da anni si occupa del Trapianto di capelli per soddisfare al meglio le richieste, sempre crescenti, inerenti a questo settore della microchirurgia tricologica.

Negli anni di esperienza sul campo, sempre ricchi di aggiornamenti continui, abbiamo avuto modo di raggiungere livelli di eccellenza ed ottima riuscita in entrambe le metodiche, ma negli ultimi 5 anni circa, una particolare dedizione è stata sicuramente rivolta alla FUE, che grazie alla sua minore invasività, ad oggi risulta la tecnica più gettonata.

Per capire fino in fondo in cosa consistono le varie tecniche, le modalità d'intervento e per soddisfare ogni curiosità del lettore, Vi proponiamo di seguito degli articoli di approfondimento di sicuro interesse.



Masullo Medical Group

Trapianto Capelli Napoli, Salerno, Roma
Centro Direzionale, Isola E7 Napoli Italia 800 14 55 23
Corso Garibaldi, 119 Salerno Italia 089 25 82 938
Via Degli Avignonesi, 16 Roma Italia 392 95 53 642