Masullo Medical Group

A cura del Dott. Vincenzo Masullo, tratta il problema della Calvizie ed il Trapianto Capelli.

Offerta Promozionale 200x200
 

Attivazione dei muscoli pellicciai ed il trofismo del connettivo del derma sottocutaneo.

Aumento delia vascolarizzazione ed attivazione della rete di fibrille elastiche e di fibrocellule muscolari lisce del derma.


Attivazione-dei-muscoli-pellicciai-ed-il-trofismo-del-connettivo-del-derma-sottocutaneo

L'incremento dei trofismo del connettivo può essere valutato sotto due aspetti:

  • Aumento delia vascolarizzazione
  • Attivazione della rete di fibrille elastiche e di fibrocellule muscolari lisce del derma.

Aumento delia vascolarizzazione

L'esercizio di lavoro, nel caso di una contrazione ritmica, imposto ai muscoli pellicciai, che passano gradualmente da uno stato di ipotrofia a quello di ipertrofia suscita un maggior sviluppo della vascolarizzazione non soltanto nel contesto dei muscoli, ma anche nel connettivo circostante.

Questo aumento della vascolarizzazione del cuoio capelluto è chiaramente rilevabile nelle pliche che si sollevano durante il massaggio di arrotolamento e sollevamento della cute fin dall'inizio dell'attivazione trofica dei muscoli pellicciai.

E' evidente l'importanza della neoformazione di gettate vascolari capillari verso l'epitelio, il cui assottigliamento è caratterizzato da una linearità dello strato basale dell'epitelio stesso, mentre le gettate capillari inducono il ripristino delle introflessioni ed estroflessioni papillari nei confronti del derma.

E' da queste gettate capillari che prenderanno origine le papille vascolari germinative, presupposto fondamentale per una neogenesi di bulbi piliferi con annessi.

Attivazione della rete di fibrille elastiche e di fibrocellule muscolari lisce del derma.

La neogenesi di fibrille eiastiche e fibrocelìule muscolari lisce è la risultante del movimento di contrazione ritmica dei muscoli pellicciai della testa e del collo, molto più che dei massaggi e frizioni con| sostanze nutritive o iniezioni di collagene, elastina, ecc..., peraltro sicuramente valide.

E' infatti la contrazione ritmica trasmessa al connettivo dalla contrazione dei muscoli pellicciai, che induce una neogenesi di fibrille elastiche e fibrocellule muscolari lisce.

Si tratta di un processo analogo a quello, che soi osserva nel caso di aderenze pleuriche, sottoposte a contrazione ritmica impressa dai movimenti respiratori, correlati all'espansione e contrazione ritmica della gabbia toracica.

Naturalmente la neogenesi di fibrille elastiche e fibrocelluìe muscolari lisce awiene quando il connettivo sclerotico, che sta alla base del cuoio capelluto riprende i suoi caratteri normali di connettivo fibrillare lasso, con una normale rete vascolare e nervosa.

Va sottolineata l'importanza di contrarre oltre che i muscoli pellicciai frontooccipitali, per favorire la crescita e ricrescita dei capelli, anche i muscoli periauricolari, il procerus, gli orbicolari della bocca, quelli delle ali del naso e il platisma del collo, per attivare invece della crescita dei capelli la neogenesi delle fibrille eiastiche e delle fibrocellule muscolari lisce.

Sono queste fibrille e fibrocellule, che conferiscono elasticità alla pelle, così da impedire la comparsa delle rughe e indurne la regressione, particolarmente quelle ai lati degli occhi e della fronte. La contrattura ritmica del muscolo pìatisma del collo, da attuare insieme a quella del muscolo sternocleidomastoideo, evita invece l'insorgenza del cosiddetto doppio mento o delle pliche verticali del collo. Contemporaneamente alla neogenesi di fibrille eiastiche e fibrocellule muscolari lisce, capillari sanguigni e nervi, l'epitelio malpighiano attiva il proprio trofismo e da avvio a una neogenesi di follicoli con papille e bulbi piliferi con annessi.

Oltre a questa ginnastica attiva, può ovviamente essere utile anche la ginnastica passiva, come il massaggio e l'automassaggio.