Masullo Medical Group

A cura del Dott. Vincenzo Masullo, tratta il problema della Calvizie ed il Trapianto Capelli.

Offerta Promozionale 200x200
 

La Caduta dei Capelli relazionata al Muscolo Erettore del Pelo.

Come il Muscolo Erettore del Pelo influenza l’ Alopecia Androgenetica il Telogen Effluvium.


La-Caduta-dei-Capelli-relazionata-al-Muscolo-Erettore-del-Pelo

Il muscolo erettore del pelo o piloerettore, è un piccolo muscolo costituito da un fascio di fibre lisce ed è situato praticamente dietro la ghiandola sebacea, anch'essa di fondamentale importanza poichè versa il suo contenuto nel follicolo pilifero.La parte più profonda del muscolo si attacca alla zona del bulge e ne ricopre circa i 2/3 dell’intera lunghezza; la porzione più superficiale invece, si collega al derma papillare.

Il muscolo erettore del pelo è innervato dal sistema nervoso autonomo, il che significa che la sua contrazione è involontaria e si verifica in risposta a stimoli ben precisi come, ad esempio, il freddo intenso. E’ proprio in casi come questi infatti che si può osservare l’erezione del pelo e la cosiddetta “pelle d’oca”.

Ma perché ci interessa tanto il ruolo del muscolo erettore nello studio delle calvizie?

Come sappiamo, la caduta dei capelli può avere causa genetica ed essere piuttosto irreversibile, ed è il caso dell’ Alopecia Androgenetica (AGA), oppure può essere di natura reversibile come nel Telogen Effluvium (TE).

Studi recenti effettuati su porzioni di cuoio capelluto prelevate con una piccola incisione, hanno mostrato che in pazienti affetti da Alopecia Androgenetica il muscolo erettore del pelo risultava danneggiato o meglio, rimpiazzato da tessuto adiposo; il volume muscolare era diminuito rispetto al volume normale presente nei cosiddetti controlli, ed era aumentato invece il volume del tessuto adiposo.

Allo stesso modo sono state osservate porzioni di cuoio capelluto di pazienti affetti da Telogen Effluvium e anche in questo caso, su circa 1/3 delle porzioni esaminate, il muscolo erettore risultava distrutto ed erano presenti pochi resti delle fibre muscolari ancora attaccati al follicolo, mentre nei restanti 2/3 il muscolo erettore si presentava intatto.

La spiegazione a tale fenomeno però è semplice: le fibre muscolari in 1/3 dei casi si presentavano sfaldate perchè le porzioni di tessuto in esame provenivano da pazienti affetti da Telogen Effluvium, ma che presentavano anche stadi abbastanza avanzati di Alopecia Androgenetica. Nei restanti casi, invece, in cui non era presente alcuna forma di Alopecia Androgenetica, non era visibile alcun danno alla fibra muscolare del muscolo erettore.

Ovviamente dovranno essere effettuati altri numerosi studi a riguardo per ottenere una spiegazione certa e definitiva di tale fenomeno, ma quello che si può ipotizzare fin da ora interpretando i risultati ottenuti, è che le diverse caratteristiche istologiche del muscolo erettore, che si manifestano in sostituzione del tessuto muscolare con quello adiposo, dipendano da una modifica nell’attività delle cellule staminali del mesenchima follicolare: è scientificamente provato che con l’avanzare dell’Alopecia Androgenetica, infatti, cala sia il ritmo che la probabilità di attivazione delle cellule staminali, il che porterebbe non solo allo sfaldamento delle fibre muscolari del muscolo erettore ma anche all’impossibilità del follicolo pilifero di rigenerarsi.